E’ nata una stella | AMG GT

Non è l’erede della SLS AMG.

La Mercedes-AMG GT è la seconda sportiva AMG sviluppata in maniera completamente indipendente dal marchio di Affalterbach.

Si chiama Mercedes-AMG GT e verrà presentata al Salone di Parigi tra poche settimane. Porterà con sé una grande novità tecnica, il 4.0 V8 biturbo che diventerà colonna portante dell’alto di gamma AMG. La nuova coupé riprenderà l’impostazione di base della SLS AMG, con la disposizione degli organi meccanici secondo lo schema transaxle, cioè motore davanti e il cambio al retrotreno così da creare un bilanciamento dei pesi quasi perfetto. Però teniamo a ribadire che la nuova GT-AMG non ha nulla da condividere con la SLS. Ne dal punto di vista della meccanica, ne per la filosofia e il tipo di target a cui vuole puntare AMG con questo nuovo modello.

La nuova Mercedes AMG GT non si configura però solo come Performance Car: le sue caratteristiche permetteranno ai futuri clienti un utilizzo quotidiano della vettura . Peccato che questo gioiello abbandona la scelta delle ali di gabbiano per le classiche con incernierata nella zona passaruota anteriore.

Le versioni saranno due, differenziate per potenza finale erogata del motore la prima svilupperà 462 CV (a 6.000 giri) e 600 Nm (da 1.600 a 5.000 giri), consumando secondo la Casa 9,3 l/100 km di carburante ed emettendo 216 g/km di CO2. Mentre per la versione “S” è riservato il “powerstep” da 510 CV (a 6.250 giri) e 650 Nm (tra 1.750 e 4.750). Per la trasmissione, l’AMG ha puntato sul cambio doppia frizione a sette marce Speedshift Dct, che può essere utilizzato nelle modalità C (Controlled Efficiency), S (Sport), S+ (Sport Plus) e nella nuova I (Individual). Specifico dell’AMG GT S è il programma Race, così come il differenziale a slittamento limitato.

E’ un vero e proprio concertato di Velocità , Tecnologia e Stile.

Vi piace? A noi di Black-Flag è piaciuta molto.

L’anteriore lunghissimo e basso , con i grandi fari e le enormi prese d’aria che conferiscono aggressività dosata dalla sapiente mano dei designer AMG che ha saputo ancora una volta donare sportività senza eccessi e cadere nel volgare. Lo sbalzo posteriore ridottissimo e il tetto che dolcemente si annega insieme ai montanti nel piccolo baule conferisce leggerezza e slancio alla silhouette globale. Sempre al retro-treno troviamo il nuovo concetto di faro ful-led, simile a quello della Classe S coupé .

Gli interni dal design organico e ricercato ricreano un ambiente sportivo e dinamico. In base alle esigenze del cliente le finiture potranno dirigersi verso una maggior eleganza con l’utilizzo di pellami pregiati, allumini lavorati e plastiche verniciate lucide. Oppure prendere connotazioni ancora più “pistaiole” scegliendo i pacchetti colmi di finiture in carbonio e rivestimenti in alcantara.

Written By
More from BLACKFLAG

MINI Superleggera Vision

  Si ispira alle sportive inglesi degli anni ’50 e ’60. E’...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *