Mercedes-AMG GT S-F1 | The Safety Car

Ieri si è disputato il GP di Melbourne, il primo appuntamento del FIA, Formula One World Championship 2015. Il Gran Premio d'Australia è ormai da diversi anni la gara inaugurale del campionato e regala sempre uno spettacolo molto emozionante. Per molti appassionati: la prima e l'ultima gara vengo vissute in maniera diversa, e l'aria è sempre colma di aspettativa e  suspense. In un caso, il campionato deve iniziare e a tutti costi si vuole accertare lo stato della propria scuderia del cuore. Dall'altro, quando un campionato finiscie, qualunque sia stato il risultato finale in classifica della propria scuderia c'è sempre un po' di malinconia. Quest'anno però molti appassionati di automobili, motori e fuoriserie, avranno un ulteriore motivo per guardare il Campionato mondiale di Formula Uno 2015. Lo faranno perchè c'è lei!!!!!

2015_mercedes-amg_gt_s_f1_safety_car_2_1024x768

Mercedes-AMG GT S-F1 Safety Car

La nuova Mercedes-AMG GT S-F1 è il veicolo perfetto per guidare la pattuglia di F1 al sicuro intorno alla pista, quando le condizioni meteorologiche sono avverse o sono capitati incidenti che richiedono un dispiegamento di mezzi per il ripristino della pista. La AMG GT è la seconda vettura sportiva sviluppata dalla AMG in maniera indipendente da Mercedes. Vanta le credenziali ideali per questo duro lavoro in uno dei campionati Top del Motorsport mondiale. Possedendo un motore centrale anteriore, V8-biturbo con il cambio a doppia frizione e l’assetto sportivo più all’avanguardia di sempre, questa AMG GT S-F1 ha tutte le caratteristiche per affrontare giri veloci sui circuiti di gara. Il suo compito è guidare le  monoposto, intorno al circuito in casi come quelli precedentemente elencati, ad andamenti sostenuti, affinché non perdano le temperature di funzionamento ottimale di: gomme, freni e motore.

2015_mercedes-amg_gt_s_f1_safety_car_8_1024x768

La AMG GT S-F1 Safety Car è fondamentalmente una AMG GT S di serie, ha stesso motore, stesso cambio stesse sospensioni, telaio, cerchi e pneumatici. Solamente che tutto è tarato e aggiustato secondo le caratteristiche e specifiche espresse da Bernd Mayländer, storico campione DTM, nonché driver ambassador  di Mercedes-AMG e Driver ufficiale della sfafety car in F1 da moltissimi anni.

2015_mercedes-amg_gt_s_f1_safety_car_9_1024x768

In termini di aspetto, invece la AMG GT S-F1 Safety Car si differenzia dal veicolo di produzione di serie, soprattutto in virtù delle suggestive  barra luminose sul tetto e per la livrea ufficiale FIA F1 WC. La barra luminosa è posizionata sulla presa d’aria in fibra di carbonio  del tetto, ed è stata progettata in modo da offrire la resistenza minore in airstream ed allo stesso tempo fornire un flusso aerodinamico d’aria verso il profilo aerodinamico posteriore. Il posizionamento e la progettazione della presa d’aria in fibra di carbonio e la barra di luce sono il risultato di numerosi test in galleria del vento. Il profilo alare posteriore corrisponde esattamente al profilo aerodinamico incluso nel pacchetto aerodinamico e fa parte del pacchetto esclusivo “Edition 1”. Tutte le funzioni di segnalazione sulla barra luminosa sono svolte da, LED a basso consumo energetico.

I vari sistemi telematici, specifici FIA, che sono montati su questa vettura, corrispondono a gli stessi montati su ogni monoposto. Come ad esempio il sistema transponder, ad alta risoluzione GPS e la telemetria standard temporale. A bordo è installato anche un Ipad con sovra installato un “Sistema Marshalling“, che mostra al conducente della AMG GT, i segnali da bandiera per la sezione corrente del circuito. La AMG GT S-F1 servirà anche da scorta per l’auto medica, una C63 AMG. Pur essendo entrambe auto bellissime e super affascinanti, per la buona riuscita di ogni GP e l’incolumità dei nostri piloti, speriamo di vederle il meno possibile durante questo campionato 2015.

2015_mercedes-amg_gt_s_f1_safety_car_4_1024x768

Written By
More from BLACKFLAG

IRIDE FIXED MODENA

Producono bici a scatto fisso completamente made in Italy e sono neo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *