Ufficio Vitello

Ufficio Vitello non appartenere ad una corrente di stile. Ci siamo posti di essere provocatori ed attuali.

Questa la frase che mi ha colpito di più nell´intervista fatta a Pele Francesco Carraro, designer ed ideatore del progetto Ufficio Vitello. Un brand che #Imnotafashionblog segue da un po’ e che si é sempre distinto per la sua marcata personalità, fuori dal coro.

Partiamo con le presentazioni, chi é Pele Francesco Carraro?

In verità Pele non è registrato all’anagrafe, ma credo lo darò a mio figlio se mai ne avrò uno. Sono cresciuto a Mirano, una cittadina a pochi km da Venezia e mi sono diplomato in ragioneria e laureato allo Iuav di Venezia in Fashion design. Da sempre sento dentro me miscelarsi la parte creativa con quella pragmatica, mi appartengono entrambe e alla soglia dei trenta credo di aver capito come far si che questa caratteristica giochi a mio favore, sia nella vita privata che lavorativa. Ho provato circa 20 lavori diversi prima di rendermi conto definitivamente che dovevo lavorare in proprio o se va male ritirarmi in un bosco.

Come e quando é nato Ufficio Vitello?

A settembre 2013 ho aperto Ufficio Vitello con mille idee in testa. Per due anni è stato uno showroom dove realizzavo capi e accessori su misura per privati, per lo più in pelle, un lavoro molto appagante ma con un bacino d’utenza locale e nel frattempo riuscivo a lavorare anche come product and style developer per altri brand. Sempre nel frattempo nasceva la collezione in serie di Ufficio Vitello, un po’ per gioco, un po’ come provocazione. Non tutti inizialmente se la sentivano di andare in giro con una scritta “Vitello” in testa.

Tutti ti guardano quando hai un cappello del genere in testa e da li ho capito che poteva esser interessante esprimermi con una mia linea. Il sogno di ogni designer.

Una descrizione del brand concept?

Ufficio Vitello vuole esser un brand con un identità marcata e sensibile ai fashion trend ma soprattutto ai global trend. Ufficio Vitello non appartenere ad una corrente di stile, ci siamo posti di essere provocatori ed attuali. Vorremmo stimolare i clienti a farsi delle domande su se stessi, sulla la propria apertura mentale e visione del futuro.

Perché creare una borsa con quella forma?

Vorremmo esser di rottura senza cadere nel trash o nel banale. La borsa ha forma di Mutanda è l’emblema di ciò: realizzare una borsa con una forma non ordinaria ma renderla interessante attraverso un design clean e simmetrico, manifattura e packaging curati, colori di tendenza.

Obbiettivi futuri?

Ad oggi Ufficio Vitello è presente in 15 store nel nord Italia e lo store online del nostro sito è attivo. Puntiamo a crescere con costanza e criterio in Italia e se se possibile in futuro anche all’estero. Attualmente la linea è composta dal basico (che si arricchirà a breve con l’underwear) e dalle Borse Mutanda. Nel futuro vorremmo creare delle collezioni stagionali che contamineranno vari prodotti e tenere inalterato il minimal mood della collezione basica. In entrambe le collezioni aumenteremo gradualmente la proposta prodotto.

Online shop : www.ufficiovitello.com

Info : info@ufficiovitello.com

Instagram : @ufficiovitello

Credits ©photo Ufficio Vitello

Editing #imnotafashionblog /Annamaria Maisto

More from Annamaria Maisto

MICH VASCA – Più che semplici zaini

“Una borsa va indossata, non portata…” MICH VASCA Questo il pensiero del...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *